Library logo


Si prega di utilizzare questo identifier per indicare o collegarsi a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12836/4967
DC FieldValore
dc.contributor.authorCasti, Giovan Battista
dc.date.accessioned2024-04-18T17:20:29Z
dc.date.available2024-04-18T17:20:29Z
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/20.500.12836/4967
dc.descriptionNumerazione recente a lapis 1-182. Bianche le cc. 1v-3v; 178r-182r. Risguardie marmorizzate. All’interno del piatto anteriore ex libris araldico di Tommaso Vargas Macciucca, che attesta la provenienza del manoscritto dal fondo Ventimiglia. Alla c. 1r il possessore ha annotato a mano: “Primo manoscritto dell’Autore allorché l’opera fu proibita di stamparsi, regalatomi dal Sig.r Duca di Lupiano D. Gaspare Mello a’ 25. Marzo 1815”. Il ms. contiene la trascrizione dei primi sei canti (sui dodici complessivi) del Poema tartaro di Giovan Battista Casti (prima ed. 1796).
dc.language.isoit
dc.relation.opachttps://www.biblioteche.unisa.it/cataloghi-e-risorse/fondi?id=4
dc.source.contentCart., sec. XIX (primo quarto); cc. 182, mm. 122x75; legatura coeva in pelle bordeaux con fregi in oro sul dorso.
dc.titleNovella tartara dell'Abate Casti Tomo primo
dc.typeManoscritto
dc.rights.licenseCC0
dc.relation.fondManoscritti Fondo Ventimiglia
item.openairetypeManoscritto
item.grantfulltextopen
item.fulltextWith Fulltext
item.openairecristypehttp://purl.org/coar/resource_type/c_18cf
item.languageiso639-1it
item.treefondsrootFondo Ventimiglia
item.cerifentitytypePublications
Mostra il record nel formato ridotto

I documenti in DSpace-GLAM sono protetti da copyright, salvo diversa indicazione, con tutti i diritti riservati.